Dal 1° gennaio i bonus sociali, vale a dire lo sconto in bolletta per le famiglie in condizioni di disagio economico, saranno riconosciuti automaticamente ai cittadini e ai nuclei familiari che ne hanno diritto senza che sia necessario presentare la domanda. Le condizioni per accedere al beneficio sono rimaste immutate: nucleo familiare con indicatore Isee non superiore a 8.265 euro o con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore Isee non superiore a 20mila euro; titolare di reddito o pensione di cittadinanza. Per ottenere il beneficio, sarà sufficiente presentare la Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) al fine di ottenere l’attestazione Isee utile per le differenti prestazioni agevolate. Spetterà poi all’Inps inviare i dati del nucleo potenzialmente beneficiario al Sii (il Sistema informativo integrato gestito dall’Acquirente Unico) che incrocerà le informazioni con quelle relative alle forniture di elettricità, gas e acqua in modo da consentire l’erogazione automatica dello sconto in bolletta.

I soggetti interessati potranno ricevere in modo automatico il bonus elettrico per disagio economico, il bonus gas e quello idrico, mentre non cambiano le condizioni per l’accesso al bonus per il disagio fisico: le persone che si trovano in gravi condizioni di salute e che utilizzano apparecchiature elettromedicali per la loro sopravvivenza dovranno continuare a fare richiesta presso i Comuni o i Caf abilitati. I bonus 2020 in corso di erogazione al 31 dicembre dell’anno appena concluso continueranno invece a essere erogati con le modalità oggi in vigore.

 

 

 

Per risparmiare in bolletta, comunque, abbiamo creato una guida al risparmio energetico!