Il bonus sociale è uno sconto sulla bolletta di acqua, luce e gas introdotto dal governo e reso operativo dall’Autorità per l’energia elettrica, il gas ed il sistema idrico. Lo scopo del bonus è quello di aiutare le famiglie in condizioni di disagio economico. Per quanto riguarda il bonus elettricità, esso può essere richiesto anche da chi ha familiari con problemi fisici che richiedono l’utilizzo di apparecchiature elettromedicali e che quindi consumano più energia.

 

REQUISITI PER RICHIEDERE IL BONUS

Il bonus, come già specificato, è previsto solo in casi di disagio economico. In questo caso sono idonee al bonus le famiglie con reddito Isee non superiore a 8.265€ o per famiglie numerose con più di 3 figli a carico, con Isee non superiore a 20.000€. Il bonus può essere richiesto anche per gravi condizioni di salute, che comportino l’utilizzo di apparecchiature mediche alimentate con energia elettrica e necessarie per il mantenimento in vita del malato. Anche i titolari del reddito di cittadinanza possono accedere al bonus, in base alla legge 28 marzo 2019, numero 26, anche se la soglia Isee è superiore a 8.265 euro.

 

COME RICHIEDERLO

La domanda per ricevere il bonus sociale energia deve essere presentata presso il Comune di residenza o presso un altro ente designato dal Comune (Caf, Comunità montane) utilizzando i moduli dedicati. Il bonus sociale dura dodici mesi, al termine dei quali occorre presentare una richiesta di rinnovo (in prossimità della scadenza, il sistema invia un’apposita comunicazione per ricordare la data utile per il rinnovo a tutti i clienti che ricevono il bonus). Una volta che i moduli sono stati presentati, si può controllare la propria pratica on-line (consultare www.bonusenergia.anci.it), chiamando il numero verde 800.166.654 dello sportello per il consumatore di Energia e ambiente o rivolgendosi all’ente al quale è stata presentata la richiesta.

L’importo del bonus viene direttamente scontato un po’ alla volta nelle bollette di tutto l’anno.

 

FONTE