Articoli

“Siamo più che soddisfatti della collaborazione nata con l’azienda Union Gas Metano che si è dimostrata molto sensibile e attenta alle nostre esigenze e, più in particolare, alle aspettative dei nostri ragazzi”.

Vincenza Di Ronza, Dirigente dell’Istituto Tecnico Economico “Alfonso Gallo” di Aversa, traccia un bilancio più che positivo del progetto relativo ai Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento (ex Alternanza Scuola-Lavoro) in vista della conclusione prevista per il prossimo 22 maggio. In stretta collaborazione con la società campana di vendita di gas metano ed energia elettrica, la scuola casertana ha infatti definito un piano di formazione e orientamento che ha alternato momenti teorici e di confronto in aula a stage ad esperienze calate nella realtà aziendale Union. Il progetto ha coinvolto nove classi del triennio, abbracciando tutti gli indirizzi di studio dell’istituto aversano e, quindi, turistico, amministrazione, finanza e marketing e relazioni internazionali per il marketing. Quasi 180 i ragazzi coinvolti in un percorso di formazione organizzato in 80 ore. “Amministrazione, finanza e marketing rappresentano il fulcro della nostra offerta formativa, per cui è stato naturale trovare un punto di convergenza con un’azienda aperta e in continua crescita non solo in Campania”, precisa la dirigente scolastica. “I ragazzi hanno seguito con grande interesse il percorso di formazione, confrontandosi in modo proficuo con i tutor del corso, sempre molto disponibili e professionali. Per i nostri studenti è stato importante prendere contatto con una realtà imprenditoriale di successo. Approcciarsi al mondo del lavoro è fondamentale, soprattutto per gli allievi delle ultime classi. La nostra scuola è infatti sempre pronta a mettere in campo iniziative che possono avvicinare i ragazzi al mondo del lavoro. Non posso che ringraziare Union – conclude la dirigente Di Ronza – per la collaborazione che sicuramente avrà un seguito. Il mondo della scuola e quello imprenditoriale devono collaborare sempre di più per il bene dei nostri giovani”. Parla di partnership proficua anche il professore Angelo Del Prete, tutor e riferimento del progetto “nato con l’obiettivo – precisa – di allargare le conoscenze e le competenze degli studenti, da utilizzare poi per approcciarsi in maniera corretta al mondo del lavoro”. Massima la sintonia raggiunta dai due partners. “Per l’azienda è stata naturalmente l’opportunità per allargare il proprio raggio d’azione sul territorio, mentre per il mondo della scuola è stata l’occasione per definire un percorso di crescita fondamentale per gli studenti che hanno avuto la possibilità di testare sul campo le conoscenze acquisite durante gli studi”. Tra le tematiche affrontate nel corso del progetto anche quelle relative al settore del marketing emozionale, “una leva sulla quale si agisce sempre più di frequente per conquistare e fidelizzare nuova clientela. Oggi – precisa il professore – il mercato è molto condizionato dal fattore emotivo ed emozionale. Riuscire a stabilire un’empatia con il proprio mercato e la propria clientela è sicuramente un elemento di successo, non solo in ambito strettamente imprenditoriale”. Il progetto ha coinvolto i ragazzi delle ultime classi con un percorso di 60 ore, che rappresenta un terzo del complessivo percorso triennale. “E’ chiaro che gli allievi delle ultime classi sono quelli più vicini al mondo del lavoro, ma la nostra attenzione è stata rivolta anche agli studenti più piccoli”. Il professore Del Prete non esclude che il progetto possa avere anche delle ricadute concrete per i ragazzi coinvolti. “Gli studenti hanno avuto la possibilità di presentare il curriculum e, come sottolineato anche dai rappresentanti di Union, c’è comunque la possibilità di organizzare stage e momenti di inserimento in azienda. E’ chiaro che si tratta solo di un’ipotesi sulla quale lavorare, ma è un’opportunità che può effettivamente concretizzarsi visto che parliamo di un’azienda in continua crescita. E’ una prospettiva alla quale, come scuola, guardiamo sempre con grande attenzione. Il nostro istituto – conclude il professore – forma ragazzi pronti ad entrare nel mercato del lavoro e la collaborazione stretta con Union conferma quest’attitudine, destinata ad aprire nuove opportunità per gli studenti che scelgono la nostra scuola”.