Dal 1° marzo 2021 entra in vigore la nuova classificazione Europea, che porterà all’addio alle classi A+, A++ e A+++, per introdurre un sistema di classificazione più semplice, da A a G. La nuova classificazione Europea introduce le classi da A a G, e segna l’addio alle etichette energetiche attualmente vigenti.

La rivoluzione delle etichette energetiche degli elettrodomestici riguarda direttamente anche chi intende beneficiare del bonus mobili per il 2021, chiamato a fare i conti con la comparazione tra vecchie e nuove classi energetiche. Dall’Agenzia delle Entrate si attende un aggiornamento della guida per beneficiare della detrazione fiscale del 50%.

Come riportato sulla guida dell’Agenzia delle Entrate, il bonus mobili spetta anche nel 2021 per l’acquisto di arredi e grandi elettrodomestici, di classe non inferiore alla A+ (classe A o superiore per forni e lavasciuga). La nuova classificazione energetica degli elettrodomestici porterà, almeno in una prima fase, all’addio della classe A. Dal 1° marzo 2021 questa sarà la sigla con la quale verranno classificati gli elettrodomestici più efficienti e, almeno in un primo periodo, sarà difficile trovare in commercio elettrodomestici tanto “green”.

Bisognerà quindi fare dimestichezza con le classificazioni “inferiori”, fino alla lettera G, che indicherà i prodotti a più alto consumo energetico. Cosa cambia rispetto ad oggi? Attualmente, la maggior parte dei prodotti in commercio raggiungono la classe A, che prevede un’ulteriore suddivisione in tre classi aggiuntive, la A+, A++ e A+++. Dal 1° marzo 2021, gli elettrodomestici attualmente in classe A+++ potrebbero passare in classe C o B, quelli in classe A++ potrebbero passare alla E e via di seguito.

Una novità che la Commissione Europea presenta come via per la semplificazione, e che riguarderà in prima battuta frigoriferi, lavastoviglie, lavatrici e televisori, e dal mese di settembre anche le lampade. Accanto alla classe energetica, comparirà sulle etichette degli elettrodomestici anche un QR code, che consentirà di accedere alle informazioni di dettaglio relative ai consumi del prodotto acquistato, dati che verranno estratti dalla banca dati europea dei prodotti per l’etichettatura energetica (EPREL).

L’aggiornamento delle classi energetiche degli elettrodomestici comporta la necessità, per i contribuenti interessati a beneficiare del bonus mobili nel 2021, di “comparare” la vecchia e la nuova classificazione. Se attualmente sono detraibili solo gli elettrodomestici di classe A+, presto rientreranno nel novero delle spese ammesse in detrazione fiscale anche quelli di classi apparentemente inferiori, alla luce della nuova classificazione comunitaria.

Ovviamente, il passaggio di un elettrodomestico dalla classe A+++ alla classe C non impatta sul consumo energetico dello stesso. Servono però indicazioni aggiornate da parte dell’Agenzia delle Entrate, per rendere chiaro il perimetro degli acquisti ammessi al bonus mobili ed elettrodomestici per il 2021. L’innovazione fa i conti con la necessità di un processo di restyling continuo dei documenti di prassi predisposti dall’Amministrazione Finanziaria in favore dei contribuenti. Anche il Fisco amico deve fare i conti con l’evoluzione normativa.

FONTE: https://www.informazionefiscale.it/bonus-mobili-elettrodomestici-2021-nuova-classe-energetica-cosa-cambia